DCS

acronimo di Desktop Color Separations. E’ basato sul formato EPS ed è stato inventato da Quark per facilitare la lavorazione grafica in separazione colori. Esistono due versioni di DCS. La 1 e la 2. La versione 1 prevede di scomporre l’immagine in 5 file. Il file master che è a colori e in bassa risoluzione (anteprima) e 4 file, uno per ogni colore di separazione (CMYK). Ciascuno di essi è sostanzialmente in bianco e nero; il colore è uno di quelli della separazione. Quando si importa un file EPS DCS1.0 nei programmi di impaginazione come XPress o InDesign, viene usato il file master. Poi in stampa QuarkXPress utilizza i file C, M, Y, e K per riprodurre le separazioni. La versione 2 è in grado di rappresentare non solo le separazioni in CMYK ma anche i colori spot; utilizzabili per verniciature acqua/UV, la stampa di colori Pantone, ecc. Uno dei vantaggi legati all’impiego del file DCS almeno negli anni scorsi, è stata la velocità in fase di impaginazione essendo il master da utilizzare; poco ingombrante in rapporto alla dimensione della stessa immagine e la velocità con cui il Rip elabora i dati per la preparazione delle matrici di stampa. Nota: negli odierni flussi di lavoro, basati sul formato PDF, si privilegia la modalità composita.

G. Canale & C. S.p.A.

G. Canale & C. offre ai clienti l’esperienza e la competenza di un secolo di lavoro nella carta stampata e nella realizzazione di progetti editoriali.

Grazie ai nuovissimi impianti di stampa offset rotativa e a foglio, di confezione brossura e cartonato, e al dipartimento multimediale per l’offerta di nuovi servizi, il Gruppo G. Canale & C. dà garanzia di massima competitività produttiva e di alta professionalità nell’applicazione delle nuove tecnologie.

Due unità produttive in Italia e una in Romania a Bucarest, garantiscono le esigenze editoriali e di comunicazione dei clienti nazionali e internazionali.

 

Printed at G.Canale & C.

elle-g-canale

New business

canale pop